Cosmetici naturali: come orientarsi

Regole e suggerimenti per l’acquisto sicuro di prodotti cosmetici

Pubblicato il 17-06-2014 alle 12:50 Categoria: Cosmesi naturale

Il settore della cosmesi naturale è in continua crescita, sia come fenomeno culturale e di costume, sia pure come business. Ma attenzione a non lasciarsi ingannare dai messaggi pubblicitari! Molte case cosmetiche hanno colto al volo l’occasione della moda green, pubblicizzando come naturali prodotti che in realtà contengono cocktails chimici, paraffine ed oli di silicone, a cui vengono poi aggiunti anche ingredienti naturali. Proviamo a suggerire qualche regola generale che può essere utile al momento dell’acquisto.

NATURALE e BIO non sono affatto sinonimi
  • la cosmesi Naturale esclude negli ingredienti i derivati del petrolio e le sostanze chimiche;
  • i prodotti cosmetici Bio, invece, contengono estratti vegetali che derivano da piante coltivate biologicamente, ovvero escludendo l’utilizzo di prodotti di sintesi e di Ogm.

E’ difficile realizzare prodotti interamente vegetali  fanno eccezione olii da massaggio, unguenti, acque distillate aromatiche, per esempio; ma nella maggior parte dei casi ci troviamo così di fronte ad appositi formulati da decifrare: per quanto semplice sia la ricetta, e siano elencati e pubblicizzati principi attivi e sostanze di origine naturale, nei cosmetici naturali, come nei cosmetici in genere, ci troveremo spesso di fronte ad emulsionanti, tensioattivi, conservanti, eccetera: una vera costellazione di sostanze di varia natura, e spesso si tratterà di sostanze di sintesi.

Cercare sempre la certificazione  in Italia manca ancora l’armonizzazione della terminologia e vi è l’assenza di un quadro legislativo comprensibile al consumatore. Per ovviare a tale confusione sono nate alcune “etichette ecologiche” che danno vita ad una certificazione:

  • Cosmos (Cosmetic organic standard), che raggruppa associazioni di produttori e i principali Enti di certificazione del biologico europei, presenta due livelli distinti di certificazione: una per il prodotto biologico (Cosmos Organic), una per il prodotto naturale (Cosmos Natural). Il Cosmos Organic impone che sia bio almeno il 95 per cento degli ingredienti agricoli ottenibili con semplici metodologie fisiche di estrazione, e almeno il 20 per cento sul totale del prodotto finito, considerando anche l’acqua. Il prodotto Cosmos Natural, invece, non deve contenere più del 2 per cento di materie prime di sintesi.
  • NaTrue (nato da organismi certificatori nazionali) ha invece un disciplinare che distingue tre classi di cosmetici, connotate da un numero diverso di “stellette”: cosmetici naturali, cosmetici naturali con componenti biologiche, cosmetici biologici.

Imparare a leggere l’INCI (International nomenclature of cosmetic ingredients), ovvero la lista degli ingredienti presenti su ogni prodotto – e a questo aspetto dedichiamo un articolo a parte.

Consultare il BioDizionario in caso di dubbio, per poter comprendere se un ingrediente cosmetico è da considerarsi rispettoso o potenzialmente dannoso per l'ambiente o non particolarmente benefico per la nostra pelle. Nel Biodizionario sono catalogati oltre 4000 ingredienti cosmetici a seconda del loro livello di accettabilità.