Alta formazione in Turismo ambientale

ASTA - Scuola di alta formazione a sostegno dell’ecoTurismo

Pubblicato il 08-06-2014 alle 19:47 Categoria: Turismo

Il Rapporto Ecotur sul Turismo natura, documenta un incremento dell’1,48% delle presenze e del 4,1% del fatturato, mentre il turismo tradizionale è sceso rispettivamente del 3,5% e del 9,5%. Per la prima volta l'incidenza di turisti stranieri ha raggiunto il 40,2% del totale nel turismo natura e questo ha prodotto un incremento del giro d'affari perché un turista straniero spende mediamente 100 euro al giorno a fronte dei 65 di un turista italiano. Il turismo natura in Italia ha così sfondato quota 101 milioni, producendo un fatturato di 11,378 miliardi di euro. A spingere i turisti verso la natura sono la voglia di fare attività sportive (47%), il relax (20%), l'enogastronomia (15%), la riscoperta delle tradizioni (10%), ma soprattutto la bicicletta: il biking è infatti l'attività sportiva prediletta dai turisti natura con il 30% delle preferenze, seguita da escursionismo (21%) e trekking (18%).

Per sostenere la crescita del settore, è nata Asta, la prima scuola di turismo ambientale. “Abbiamo cominciato a dare risposta a una domanda di formazione finora inevasa”, spiega Sebastiano Venneri, presidente di Vivilitalia, la società che promuove il corso “Del resto basta un’occhiata i numeri per capire: il tasso di laureati nel settore turistico in Europa è del 12%, in Francia del 15, in Spagna del 18, in Italia del 5,1. Bisogna investire sul capitale umano per costruire progetti capaci di valorizzare i territori e di metterli in rete”.

Ad aprile si è conclusa la seconda edizione di  ASTA – Alta Scuola di Turismo Ambientale organizzata da Legambiente, Parco delle Cinque Terre, Vivilitalia, AITR, Legacoop e i comuni del Parco e con il contributo di Coopfond. ASTA tornerà in autunno alle Cinque Terre con un nuovo appuntamento Ma, prosegue il presidente Venneri, “non ci fermiamo qui. Vogliamo realizzare entro quest’anno un nuovo corso ASTA in un’Area Protetta del Centro Sud perché sappiamo bene che di territori e buone esperienze di turismo ambientale nel nostro paese ce ne sono moltissime e meritano di essere raccontate e di essere promosse”.

ASTA è la prima scuola in Italia rivolta a quanti vogliono perfezionare il proprio percorso formativo e le proprie competenze nel settore del management turistico ambientale e si trovino in posizioni decisionali e di responsabilità. Il corso è rivolto a funzionari di amministrazioni pubbliche ed enti parco, a manager di aziende private, a esperti in pianificazione ambientale e del territorio e a quanti operano già in posizioni decisionali. ASTA è un progetto realizzato con il patrocinio di Federeparchi e di AITR (Associazione Italiana Turismo Responsabile) e in collaborazione con LegaCoop e il Master in Turimo e Territorio dell'Università Luiss Guido Carli di Roma e il contributo di Albasole Greenpark. Il corso ha una formula intensiva e residenziale, incentrata sul metodo learning by doing e collaborative learning. Il 50% di attività sono svolte in aula, mentre il restante 50% è basato su uscite sul territorio, laboratori, esperienze pratiche che diventano oggetto di rielaborazione teorica.

I docenti e gli esperti che intervengono durante il corso sono tra i massimi esperti nazionali sui temi del turismo ambientale, della governance, della tutela dei territori, della comunicazione e delle materie legate allo sviluppo sostenibile. Durante il percorso formativo i partecipanti entrano in contatto le migliori esperienze nel campo turistico ed ambientale realizzate nei territori di eccellenza italiani, raccontate dalla viva voce dei protagonisti.



Per saperne di più: http://www.vivilitalia.it/